Home > 3ème Millénarie > La Fiamma dell’Attenzione

La Fiamma dell’Attenzione

11 dicembre 2017

La Fiamma dell’Attenzione

3e MILLENAIRE

Traduzione a cura di Antonino Pusateri

 

Un filo di Arianna con la Fiamma dell’Attenzione

 

L’inattenzione e l’addormentamento della coscienza.

Mentre la conoscenza, o una competenza, sembra sempre in grado di essere acquisita con un allenamento particolare, è stupefacente quanto di ciò che osserviamo ci sfugga completamente. Non sembra che possediamo noi stessi! L’attenzione, questo collegamento magico che collega il mondo alla Coscienza, sembra essere dislocata nell’istante del suo risveglio. La disattenzione diventa la sorte della nostra umanità che suscita l’evanescenza del bene più prezioso, come dice ShantiMayi: “un’epidemia di delusione, depressione, scoraggiamento, depressione, tristezza, rabbia, insoddisfazione e scoraggiamento”. L’umanità che è “sveglia” deve riconoscere e attraversare la visione del suo sonno, del suo stato di torpore. In effetti, viviamo nella disattenzione di un sonno ipnotico chi ci ammalia. Questo stato è abbastanza avvincente da essere ipnotizzati come da un film, come afferma di Didier Weiss: “dimentichi te stesso nella poltrona del cinema e ti identifichi con i personaggi e la storia che si sta svolgendo sullo schermo”. E quando il film è finito, è divertente “stare insieme” seduto lì. Perché, come precisa Byron Katie, “si sta svegliando la consapevolezza di ciò che non sono. E’ come sentire di non essere finora nato”.

Il risveglio dell’attenzione

Constatare la nostra disattenzione è molto fondamentale più fondamentale della pratica di qualsiasi tecnica di meditazione. Il constatare avvia una guarigione dell’ organo spirituale, che Edward Salim Michàel  considera come: “la terza parte della nostra trinità, che si trova tra l’aspetto superiore e celeste della nostra natura e l’aspetto inferiore e ordinario di noi”.

La visione della nostra inattenzione può svegliare la Coscienza dal suo “sonno diurno”. Tuttavia, il risveglio non fa parte di stato trascendententale  – da qui il suo mistero e il suo potere alchemico: quello di dissolvere o annientare i meccanismi psicologici dell’inattenzione. Quello che Ilie Cioara ha trovato durante il Male: “quando una reazione della mente sorse, scomparve immediatamente in contatto con lo splendore dell’Attenzione impersonale” (guarda la nostra sezione il Testimone Risvegliato). Sappi ora che se il risveglio dell’attenzione richiede uno sforzo o la scoperta del non-sforzo, tale processo è un poco specioso… Patrick Vigneau spiega la transizione dallo sforzo al naturale: “Progressivamente s’installa dentro la coscienza una attenzione che diviene naturale, senza alcuno sforzo di volontà questa è una percezione più sottile. E il mentale diventa silenzioso naturalmente. Ma ci volle un grande sforzo perché si attivasse questa attenzione naturale.  E ci volevano energie per uscire dal torpore dell’abitudine o del meccanismo mentale della dispersione! L’attenzione è una qualità della coscienza”… che “richiede una disponibilità globale”, ci dice Dominique Casterman. Naturalmente, questa tarnsizione è da distinguere in livelli, e quindi in diverse qualità di attenzione. “L’attenzione profonda”, aggiunge D. Casterman, “è ciò che è rimasto quando l’attenzione comune è definitivamente disimpegnata, dalle distrazioni della mente, che fino ad allora, governavano una parte importante della nostra vita ”.

Ciò che è attento

Essere attenti è innanzitutto: ESSERE. Ma allora: “Qual è l’attenzione reale?”, s’interroga Didier Weiss, “non è facile parlarne … l’attenzione allucinatoria è molto facile da descrivere nel movimento della coscienza, la reiterazione torna ingannevolmente a un soggetto allucinatorio (io) – che è solo un oggetto tra molti altri (questo corpo/mente) – invece di tornare alla coscienza stessa”. Charles Couterel sottolinea che si tratta di “prendere coscienza e riconosci il tuo essere qui prima di qualsiasi definizione. Privo di qualsiasi definizione di ciò che chiami “tu”, “io”, io “.

La nostra vera natura, il nostro essere originale, al cuore della prima percezione, è allora “la vera attenzione”. La sua particolarità, la sua realtà, è “senza oggetto” dice Serge Carfantan, nel senso che lo scopo della mente non è la percezione della nostra vera natura attratta dal variegato panorama dell’apposizione di etichette, di identificazione delle persone, di classificazione e nomina di oggetti, di giudicare, di perseguire una motivazione, questo o quel desiderio, o mobilitare questo o quel desiderio.  La vera attenzione si tiene al di qua del movimento intenzionale della mente ed in-di qua del tempo psicologico.

Ecco perché Douglas Harding (leggi il nostro articolo) parla “dellattenzione alla menzogna dell’intenzione. Attenzione a ciò che è, non alla ricerca di ciò che dovrebbe essere. Stai attento a ciò che avviene, scartando ogni tentativo di trasformarlo. Di fatto, l’attenzione totale si arrende e l’abbandono totale è l’attenzione”.

Divisione dell’attenzione o attenzione globale

I due approcci, o due visioni, sono spesso messi in contraddizione: la divisione dell’attenzione sostenuta da alcuni insegnamenti spirituali e l’unificazione, o la globalizzazione dell’attenzione suggerita da altri autori.

  • Come prima cosa consideriamo che viviamo identificati con oggetti, eventi e le nostre emozioni… e non siamo consapevoli di pensare, sentire, osservare … Il nuovo orientamento di un raggio di attenzione verso di noi, implica una “divisione dell’attenzione” (Gurdjieff [1]) per essere “auto-cosciente ” tanto quanto verso “l’ esteriorità”.
  • Come seconda cosa, non siamo attenti perché la nostra attenzione è “frammentata” (Krishnamurti [2]), divisa tra sensazioni e pensieri che abbiamo. L’unità dell’attenzione implica quindi la comprensione vissuta della nostra divisione tra osservatore e osservato.

Queste due visioni non sono affatto contraddittorie. Malo Aguettant, nel suo libro [3], si avvicina alla “divisione dell’attenzione“, ci offre l’approccio suggerito da Gurdjieff e Krishnamurti: “le due visioni non sono affatto contraddittorie: ogni volta che ti sorprendi  di non amare una persona, una situazione, o solo di essere sconvolto da qualcosa, torna su di te e guarda la tua reazione, esamina cosa sta accadendo, entra completamente in quello che è, e come reagisce il tuo corpo… Tutto il segreto della pratica, precisa Malo, risiede dentro la qualità dell’attenzione fin nei minimi dettagli. Niente deve essere lasciato fuori. Il minimo disagio che improvvisamente percepisci senza sapere il perché, deve essere oggetto di una rigorosa investigazione della coscienza nello stesso momento in cui viene sperimentato. E questo deve essere praticato 24 ore su 24.” Questo ci propone Charles Couterel: “dirigere l’attenzione verso la coscienza stessa o a ciò che in te è la coscienza stessa, o verso cosa in te è la coscienza del tutto, questo percepito che si sta rivelando.

Il punto importane, è che non c’è contraddizione perché il “mondo” a cui ci identifichiamo (1^ visione), o il “mondo”  dal quale inconsciamente ci separiamo (2^ visione), non è altro che una “rappresentazione”, osserva Eric Baret. “Una proiezione del tuo immaginario emotivo.”

Il “Lavoro” di Byron Katie ovviamente va nella direzione di questa fondamentale scoperta sia per la vita individuale che collettiva.

Nutri l’anima, risveglia lo spirito

L’Attenzione aperta, globale, senza giudizio, libera da ogni intenzione, consente alle impressioni che ci offrono i sensi di dispiegare in noi un’energia sempre più bella. Rimanere sotto l’acquazzone, la rabbia del vicino che esplode, le lamentele del mondo, l’innocente gioia del bambino, … non suscitano alcuna malinconia, nessuna reazione, nessuna delusione, nessun attaccamento… perché è la propria proiezione che scolorisce il mondo delle impressioni che ci viene dato continuamente. Di per sé, le impressioni sono silenziose, mai indigeste. Ci nutrono con la vita, questa vita che trasfigura la materia e che l’artista, come Rodin, a volte sapeva come toccare e fare apparire.Lourqu “Mi ha fatto attenzione“, la giusta attenzione, che i pellegrini della Philocalia o dei buddisti hanno scoperto, implica una “pratica giusta“, che è, come dice Fabrice Midal, un “abbandonarsi” in quella presenza che trasporta e che dà. Perché questo abbandono è fatto in una dimensione che, allo stesso tempo ci riconcilia con la totalità di noi stessi e del mondo, sta dando.Questo “riaccordo”, attraverso il ritorno alle sensazioni, così tanto predicato oggi dalle spiritualità, dà corpo alla vita spirituale che, come “vero amore“, dice Erica Baret, nata dal Cuore dell’attenzione”.

Note[1]

– Vedi il lavoro incontestabile di Ouspensky: Frammenti di un insegnamento sconosciuto, Stock – In Italia da Astrolabio, Roma[2]

– Vedi il lavoro di Krishnamurti edito dalle Presses du Chatelet o Synchronique Edizioni[3]

–    Malo Aguettant,  In questo momento non manca nulla finché non aggiungi nulla, Accarias L’Origenel, 2015

 

 

 

 

 

 

 

Categorie:3ème Millénarie Tag: