Archivio

Posts Tagged ‘sofferenza’

Sofferenza e immagine di sé di Pascal de Neufville.

13 febbraio 2011 Nessun commento

A cura di Luciana Scalabrini, dall’archivio di 3millenaire. Lettera ad un’amica disperata. Amica,  ora sei separata dall’uomo che amavi. Restano con te due bambini… Ti ha preso la sofferenza e ti affligge il corpo, anche i figli soffrono. Attorno a te e a noi tutti vi sono miseria e violenza; la natura è violentata. Il […]

Connettersi a se stessi di Marianne Dubois

27 novembre 2010 Nessun commento

Da 3emillenaire  n° 97 Connettersi a se stessi 3emillenaire:  Viviamo abitualmente nello stato di coscienza di veglia dove l’ego domina. In questo stato, le relazioni umane sono conflittuali e la nostra percezione dell’ambiente è molto attenuata o inesistente. Quando ci rendiamo conto di questa situazione, può risvegliarsi in noi un’aspirazione a connetterci col tutto. M. […]

Scoprire la pace felice di Francis Lucille

6 ottobre 2010 Nessun commento

La ricerca è la ricerca della pace felice. Questa è il fondo stesso del nostro essere. Non deve essere creata o ricreata. Deve essere scoperta… e ciò che la copre è un mucchio di credenze che abbiamo adottato dai nostri genitori, dalla nostra cultura, dalla nostra civiltà, che gira attorno alla nozione di essere un individuo separato. Se conducessimo una ricerca di quei momenti in cui abbiamo avuto una sensazione di mancanza, di miseria, di insoddisfazione, di paura, di frustrazione, ci condurrà sempre a quella nozione di identità separata.

Categorie:Lucille Françis Tag:

Il vero luogo della Pace di Thierry Vissac

26 settembre 2010 Nessun commento

L’idea di un’accettazione della sofferenza, che forse vedete profilarsi nel mio discorso, può apparire rivoltante, ma nell’energia che si risveglia davanti a una tale prospettiva si trova la chiave che permette di risolvere la questione.

Categorie:Vissac Thierry Tag:

Soffrire per amore di 3ème Millénaire

24 settembre 2010 Nessun commento

Abbiamo tutti, in un momento della nostra vita, sofferto per amore. O, più esattamente, sofferto per non aver potuto realizzare l’amore che proviamo verso un essere. Questa sofferenza può esprimersi a diversi livelli in termini d’insoddisfazione o di frustrazione, che sono i sintomi di una situazione interiore che proveremo a scoprire.

Sofferenza reale e sofferenza immaginaria: un approccio della “Sofferenza volontaria”

6 settembre 2010 Nessun commento

3ème Millénaire n. 70   L’insegnamento di G.I. Gurdjief, riportato da Ouspensky, presenta un “sistema” detto della “Quarta via”, che, alla luce di un approccio vissuto dall’osservazione di sé, sviluppa delle idee nuove sull’uomo e la sua possibile evoluzione. La “sofferenza volontaria o cosciente” è l’esempio stesso di una di queste nozioni che solo un’osservazione […]

Categorie:Ouspensky Tag: ,

Sofferenza e contemplazione di Jean Klein

2 agosto 2010 Commenti chiusi

Il dolore appare per qualcuno. Se voi vi identificate con il vostro dolore, siete completamente sommersi e allora lottate, vi difendete. Il dolore vi permette di situarvi, di comprendere che non siete ciò che è dolore; voi siete, in qualche modo, il conoscitore di questo dolore. Quando lasciate che la sensibilità si svegli completamente, a quel punto c’è una massa di sensibilità ma non c’è più dolore; resta una sensazione.

Categorie:Klein Jean Tag:

Sofferenza reale e sofferenza immaginaria: un approcco della “Sofferenza volontaria” di P.D. Ouspensky

2 agosto 2010 Commenti chiusi

L’insegnamento di G.I. Gurdjief, riportato da Ouspensky, presenta un “sistema” detto della “Quarta via”, che, alla luce di un approccio vissuto dall’osservazione di sé, sviluppa delle idee nuove sull’uomo e la sua possibile evoluzione. La “sofferenza volontaria o cosciente” è l’esempio stesso di una di queste nozioni che solo un’osservazione non duale ( o oggettiva) dell’esperienza umana permette di scoprire. Lavorare a un tale modo di osservazione implica, secondo le parole di Gurdjief la “non espressione delle emozioni negative”. Questo processo raramente compreso, si basa su una fase di apprendimento al ricordo di sé.

Categorie:Ouspensky Tag: